Una delle tecniche più semplici ed efficaci per la di crescita di cristalli prevede l’impiego di un gel come mezzo di diffusione e crescita. La funzione principale del gel è quella di garantire una sovrasaturazione costante attorno al cristallo durante l'intero processo di crescita e, in alcuni casi, di ridurre la densità di nucleazione.
Sono note numerose configurazioni di crescita in gel utilizzabili sia per la cristallizzazione di piccole molecole organiche che di composti inorganici. Una delle tecniche più comuni prevede l’impiego di un tubo a U.La parte orizzontale del tubo viene riempita con un gel in cui vengono fatte diffondere due soluzioni, una del composto da cristallizzare e l’altra dell’agente precipitante, caricate alle estremità opposte del tubo.



Per le cristallizzazioni possono essere utilizzati essenzialmente due tipi di gel: i gel Chimici, come il gel di silice, che si formano attraverso vere e proprie reazioni chimiche di polimerizzazione, e i gel Fisici, che si ottengono semplicemente attraverso la variazione di un parametro fisico, come ad esempio la temperatura. Un esempio di gel fisico è la gelatina alimentare ottenuta scaldando e poi raffreddando una soluzione contenente collagene.

Per saperne di più:
Dr.ssa Silvia Rizzato
Dipartimento di Chimica - Università degli Studi di Milano

Condividi questo articolo